Fine anno, tempo di bilanci. Siamo giunti ormai alla fine di questo tribolatissimo 2016, un anno iniziato alla grande ma purtroppo finito nel peggiore dei modi.  Il Grosseto aveva inaugurato l’anno con un secco 4 a 0 ai danni del Trastevere per la Befana e dopo solo quattro giorni conquistava la testa della classifica grazie al 3 a 2 inflitto in trasferta alla Nuorese. Inizia poi la lenta ascesa della Fc Grosseto che dopo l’esonero di mister Giacomarro, oltre ai punti, perde anche quel bel gioco che fino a quel momento aveva divertito e appassionato i tifosi biancorossi. Nel finale di stagione il Grosseto si riprende e acciuffa il secondo posto che vale il miglior piazzamento per affrontare i playoff. Tutto finisce però alla prima sfida interna contro l’Olbia. Il Grosseto naufraga clamorosamente ed inaspettatamente fallendo l’ultima occasione per il salto di categoria. Le difficoltà economiche in cui versano alcune società e i criteri di ripescaggio però riaprono la porta al Grifone che adesso attende solo l’ok di Pincione e soci, ok che però non arriverà. La mancata presentazione della domanda di ripescaggio unita al tentativo di acquisire l’Ancona determineranno una spaccatura netta tra la Fc Grosseto e la tifoseria. I primi a voltare le spalle a Pincione alla fine saranno i “Maremmani 1912”, proprio coloro che fino a poco tempo prima lo avevano sostenuto in tutto e per tutto, stanchi ormai delle continue bugie e delle mancate promesse. Pincione contro ogni previsione va avanti, allestisce una squadra capace di primeggiare e promette, ancora, la vittoria del campionato. L’ambiente però non è certo quello ideale per poter perseguire risultati importanti e alla fine anche la squadra ne risente. I risultati non arrivano, così come gli stipendi e la Fc Grosseto scivola sempre più in basso e non solo per quanto riguarda la classifica. Il resto è storia recente, ancora ben impressa nella nostra memoria. Il Grosseto oggi occupa la terzultima posizione in classifica insieme al Viareggio, ha cambiato in blocco tutta la squadra che a luglio aveva dato vita alla nuova stagione e ha dimostrato di non avere al momento le forze per tirarsi fuori dai bassifondi. Insieme ai nuovi, pochi, giocatori arrivano anche le scuse e le nuove promesse della Fc Grosseto: “dall’ 8 Gennaio inizieremo ufficialmente un nuovo anno calcistico”. Difficile capire cosa succederà da qui alla fine della stagione, se il 2017 sarà l’anno della rinascita o della definitiva dipartita. Le certezze al momento sono che il Grosseto dovrà giocare ancora tre partite a porte chiuse per la squalifica del campo, che comunque il numero degli spettatori ha ormai raggiunto i minimi storici, che ci sarà da risolvere questioni legate a pignoramenti e a possibili punti di penalizzazione. Tanti Auguri caro vecchio Grifone, mai come quest’anno ne hai avuto veramente bisogno e che il 2017 ti regali nuova vita a te e a tutti noi che soffriamo maledettamente nel vederti ridotto così.

A proposito dell'autore

Manuel Pifferi

La passione per il Grosseto ha inizio nel 1994 quando insieme ad un gruppo di amici inizia a seguirlo assiduamente. Dopo uno stop di circa 5 anni torna allo stadio per non lasciarlo mai più Nel 2002, unendo la passione del calcio a quella di internet, nasce l'idea di creare un portale dedicato alla sua unica vera squadra del cuore. Nel 2015 diventa Direttore Responsabile però non chiamatelo giornalista ma semplicemente TIFOSO.

Lascia un Commento

Commenta per primo!

Notifica
avatar
wpDiscuz